Pagina:Orlandino.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO SECONDO.



Voglia proprio mi vien di disperarmi
     Andar ne Frati, o douentar romita
     si perche Marte lascia portar l’armi
     d’arcipoltron alla turba infinita
     che a sentir solamente dir armi armi
     cercon fuggir lor manigolda uita
     ne caccatoi, ne fossi, nelle grotte:
     di di, pensate cio che fan di notte.

Molti soldati, caualieri, e fanti,
     che portan picha, lancia, & archibuso
     c’hanno men cor che riverenza ai santi
     il Lutherano heretico, e tristo uso,
     mentre a tauola stanno, auanti auanti
     gridon beuendo, il cul leuando in suso
     e poi che a d’arme di Tromba, o tamburo
     affrontano i nimici doppo un muro.