Pagina:Panegirico a Trajano.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PARIGI SBASTIGLIATO. 107
XIII.


Fra il nobil grido, il re procede intanto,
     Da Franche armi non compre attornïato,
     Ver la magione urbana.
     220Di duolo e gioja vario-misto un pianto,
     Cui da pria ’l pentimento ha in lui destato,
     D’ogni uom lo sdegno appiana.
     Ma, d’ora in poi quello ingigliato ammanto,
     E a chi ’l porta, e a chi ’l dona, assai men greve
     225(Spero) sarà. — Giunto è già il prence: ei giura,
     Che la orribil congiura,
     Ignota a lui, tutta imputar si deve
     Ai traditor, che in duro error lo han tratto.
     Pago è già il cittadin; già già secura
     230Torna del re la maestade, a patto
     Meglio adequato omai:
     Già espulsi ha gli empj, e richiamato ha il giusto:
     Nè a re lo errar più mai
     Concede il Nazional Consesso augusto.


————————————————————————