Pagina:Panegirico a Trajano.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 PARIGI SBASTIGLIATO.
IV.


55Quali urla sento? infra l’orror di negra
     Notte feral, quai torbe incese tede
     Correr ricorrer veggio?
     In men ch’io il dico, ampia cittade intégra
     Sossopra è volta; ogni uom vendetta chiede;
     60E il differirla è il peggio.
     Spade, aste, ogni arme, impugnan tutti; ed egra
     Alma non v’ha, ch’elmo rimembri o scudo.
     Andar, venire, interrogar; giurarsi
     Scambievol fe; mostrarsi
     65A gara ognun d’ogni temenza ignudo;
     Rintracciar l’orme del tedesco gregge,
     Sovr’esso a furia indomiti scagliarsi,
     Altri svenarne, altri fugarne, e legge
     A tutti imporre; è un punto.
     70Pria che in ciel la seconda alba sia sorta,
     E che al confin sia giunto
     L’esul ministro, è tirannia già morta.