Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 alfredo panzini


affinché nessuna donna romana vivesse impudica per l’esempio di lei? Vuoi che io sia Cornelia, intenta al fuso e al pennecchio? I tempi ciò più non consentono, e tu ti stancheresti. Ma guardami! Sogni? — E nelle chiome gli trapassò la mano. — Sogni?

E lui diceva:

— Come sei bella e fina! I tuoi grandi occhi chi te li ha fatti cosi? Sono passati gli Dei per i tuoi occhi? Sono passati e ti hanno portato via l’anima.

E lei dice:

— Oh, caro, povero, stupido Catullo!