Pagina:Panzini - Trionfi di donna.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 i trionfi di eva


***


— Sapete signorin Nadina grande novità di ier sera? — domandò il dì seguente Mrs. Evelyne.

— Io non so niente.

— Allora dirò? io: Quell’orribile uomo è partito.

— Chi? il signor X***?

— Precisamente, partito autenticamente: visto io alla stazione con le scarpe, con il colletto e con la valigia. Partito! Nous en sommes délivrées.

***


Partito veramente!

E la lettera di commiato fu recapitata a Nadina la sera stessa: lettera assai strana. Confessava la sua passione per lei. Diceva avere ella pieno diritto di tormentare, perchè essere questa una forma di rara e squisita voluttà per la donna. Non poter però egli più resistere e perciò fuggire. Del resto esser pronto ad esserle servitore e ubbidiente ad ogni suo imperio se ella lo avesse richiesto.