Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 viàggio d’un pòvero letterato


— Vedo. E perchè la chiamate così?

Non sapea. La aveva comprata con quel nome.

Sventurata bèstia, se non fossi nata così piena di natural sentimento — pensavo, — avresti la consolazione di gustare un po’ di biada prima di andare al pelatòio.