Pagina:Paola di Bello.pdf/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CITAZIONI PER “IEROFANIE”



L’associazione di questi nomi mette in luce ciò che in essi è profondamente affine: la dolorosa purezza della loro vita e del loro creare. Essa si irradia da loro come una luce che nell’aura a loro connalurata della solitudine fiammeggia in modo doppiamente intenso e abbagliante. (...) Fanno parte di coloro nel cui stretto spazio di vita il realizzare e il progettare sono accastastati l’uno sull’altro in un modo eccezionalmente grandioso e pericoloso.


Legare l’immagine alla transitorietà, alla brevità del tempo è romantico: l’immagine brucia come un fuoco di paglia.

A.C.


C’è un ordine
di mortali sulla terra, che invecchia
in gioventù, e muore prima della mezza età,
senza la violenza di una morte in guerra;
alcuni muoiono per i piaceri, altri di studio,
altri ancora consumati dalla fatica, o di mera stanchezza;
alcuni muoiono di malattia, altri di pazzia,
alcuni col cuore spezzato o inaridito.


Ché nulla ci accade di estraneo, ma solo quanto da lungo tempo ormai ci appartiene.