Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXIV.


— Oh! mo che graziaddio semo ’rivati,
A, Bracioletta! portece da beve’,
... Dì un po’, quanti n’avevi già portati?
4 — Sette... e tre... — fanno dieci. Ah, Nino, beve!

Bevéte, sora Pia, questo è Frascati,
Come viè’ se ne va. Ch’è roba greve?
... Dunque... Dunque dov’erimo restati?
8— Che gnente ce voressivo ribeve'?

— Oh, mo nun comincià’ che nun hai voja.
Domani?... Ma de che?!... Daje stasera,
11Te possino ammazzatte, sei ’n gran boja!

Eh, già, si tu facevi l’avocato,
Sai quanti ne finiveno in galera!
14Dunque, sbrighete, su, fatte escì’ er fiato.




— 146 —