Pagina:Pensieri e discorsi.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 pensieri e discorsi

irato, te ne andrai “tra le altre anime verso l’Erebo dei morti„? —

Questo io imagino si potesse dire al poeta di Recanati, quando de’ suoi canti erano noti quelli dell’edizione del 1835, insieme con le operette morali. Dopo quell’anno egli fu sulla terra altri due anni appena. Non avrebbe dunque risposto all’interrogatore?

Rispose.

Dopo la sua morte, ott’anni dopo, comparvero altre due poesie di lui: il Tramonto della luna e la Ginestra. Fu come se il poeta del dolore e della morte parlasse d’oltre tomba. E in vero sono due canti che hanno della tomba la risonanza solenne, la efficacia persuasiva. Sembrano due supreme testimonianze.

Egli lontanò, per così dire, tra una luce pallida, cui sottentrò il buio eterno. Il paese illuminato dalla luna, già al confine del cielo, era ridente, variato di vaghe ombre. Ma la luna tramontò. Tutto divenne oscuro.

Risuona un canto mesto di saluto all’ultimo raggio. Il viatore è rimasto senza più guida. Così nella vita umana, quando è finita la giovinezza. Gl’inganni, i dolci errori, le speranze che si appuntano in un remoto avvenire, rientrano nell’oscurità. La quale oscurità non sarà mai vinta dall’aurora. Ancora un po’ di notte, poi la tomba. Quali sono quelle lontane speranze? quale l’altra luce e l’altra aurora che è vano sperare dopo il tramonto della giovinezza?

Si allude, forse, a ciò che nell’Amore e Morte già disse: