Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 nella terra dei santi e dei poeti

dioso, bendatelo e conducetelo qui, e poi scopritegli questa valle e domandategli: che paesaggio è questo? Egli risponderà: questo è il paesaggio del Leopardi.

Secondariamente: Ecco trovato il segreto della poesia del Leopardi: è una poesia autoctona: senza tradizioni, senza scuole: sorta qui: formata di una natura antica e di un’anima nuova.

Quel senso della misura nell’arte, che non si acquista se non troppo tardi, cioè quando la giovanezza va morendo, il Leopardi invece l’ebbe a sua insaputa per mezzo di que’ suoi meravigliosi studi, e questi furono i fili conduttori diretti fra questa natura e quell’anima.

E ancora: chi più del Leopardi sentì il fascino e l’armonia della vita? Eppure è così: chi rende quest’armonia con quei sensibili mezzi che si dicono arte, non gode la vita; e chi la gode non la può rendere.

Poi rammentai le parole del villano della vigilia, pensai a questa nostra cara e antica patria e venni infine considerando queste ultime cose:

Le altre nazioni hanno i secoli per loro vita, noi abbiamo l’eternità. Esse possiedono in estensione fino le steppe, gli oceani e i deserti: ma noi possediamo in profondità,