Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/205

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

eclissi. 183

storo. A posto! E non voltate troppo presto come avete fatto prima! E voi altri atei porci, attenti! Perchè io, quando suono Marcello, credo in Dio! Avanti! Andiamo!„

Era la quarta sonata per violoncello e piano. Dopo un trillo del violoncello, il credente Chieco, menando certe potenti arcate, gridò: “Questo mondo non si può sopportare!„ E su e su verso l’alto con l’onde accavallantisi delle arcate veementi. “Senza Calipso„ sussurrò Fanelli. Infatti Fusarin, preso dalla violenza della musica, teneva su Jeanne gli occhi ardenti, la scongiurava con gli slanci del violoncello. Il clavecin parve disadatto a tanta passione. Come poteva Beethoven concepire le sonate senza concepire insieme il pianoforte moderno? Carlino sostenne che la musica di Beethoven aveva creato il pianoforte moderno come negli organismi non è l’organo che si crea la potenza, è la potenza che si crea l’organo. Si passò a Corelli, ma Carlino era stanco, alla seconda pagina sbagliò il tempo, si prese del ladro e dell’assassino da Chieco, il quale, dopo due “a capo„, smarrito ancora il compagno, saltò in piedi gridando: “ci troveremo al caffè! Ci troveremo al caffè!„ Mentre gli altri amici ridevano col reo Carlino, egli prese Jeanne a parte, le disse qualche cosa di tanto arrischiato che Jeanne fece un atto di vivo sdegno. “Niente,