Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

eclissi. 185

el demonio sui veri quando che ghe bate el sole. I sa che i la ga curta e i ghe dà dentro a più non posso„.

Zitto, musica in alto, Marcello.

“Che musica da gati! Mi torno a cuccio„, brontola l’ortolana quando il pezzo è finito. “Tasi, bestia„, le dice il marito, placido. “E mi„ ripiglia lei, “che voria saver se i ghe crede, i siori, a l’inferno! Mi digo che i ghe crede tanto cofà vu, giardiniero. E lora, capìo, mi digo che chi sa che el Signore no li manda in malora lori e anca vualtri che no volì saverghene de ciesa e che el ne fassa diventar siori nualtri che se tien da Elo. Cossa diselo lu, sior Piereto, ch’el ga studià?„

Zitto, musica nell’alto, Corelli.

“Me par che i vada a torzio„, brontola il giardiniere, udendo le interruzioni della musica e il tempestare di Chieco.

“Mi digo„, incomincia solennemente il mattoide in tuba quando non si ode più nè chiasso nè musica, “che sì tuti una manega de aseni. Aseni i to paroni perchè i te paga ti, giardinier. Aseno ti, perchè se te ghe comandavi a quel bambozzo de quel to fiolo de ciapar le braghe dela biblioteca, lu el becava el posto istesso e ti te podevi darme le so braghe vecie a mi. Asena vu,