Pagina:Piola - Lettere di Evasio ad Uranio.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98

cospetto, ci riempie della idea di lui e ci mette sulle labbra quel bell’inno di Newton. „Æternus est et infinitus, omnipotens et omnisciens, id est durat ab aeterno in aeternum, et adest ab infinito in infinitum: omnia regit, et omnia cognoscit, quae fiunt aut fieri possunt.„ (Prin. Mat. ivi).

Riavutici dallo stordimento che ci cagiona il voler percorrere di una occhiata tutta l’estensione de’ cieli, appigliamoci a più savio consiglio: limitiamoci a qualche considerazione sul nostro sistema planetario, ben sicuri, che la perfezione del tutto dovrà corrispondere a quella di una parte, giusta quel detto di Newton: „Si stellae fixae sint centra similium systematum, haec omnia simili consilio constructa suberunt unius dominio: praesertim cum lux fixarum sit eiusdem naturae ac lux solis, et systemata omnia lucem in omnia invicem immittant“. (Princ. ivi). E quì dapprima diciamo: pianeti e comete che si muovono intorno al sole, satelliti che si muovono intorno ai loro primari: quale molteplicità di fenomeni in tanti movimenti! eppure vi è un principio, che tutti li lega; quello della gravitazione universale. „Senza di esso, dice Laplace (Syst. du M. L. 4 C. 27) l’elitticità