Pagina:Piola - Lettere di Evasio ad Uranio.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8

rapito sgraziatamente, se attenti non vegliamo a custodirlo: intendo la Religione. Esso ci è insidiato, specialmente a dì nostri, con grande malvagità, con grande astuzia; e credimi che una gran parte di queste insidie è tesa in quegli stessi libri, a cui noi andiamo ad attingere le umane scienze. Io perciò, nello stesso tempo che ti fo’ animo ad inoltrarti in quel sublime studio, t’esorto a vegliare e star bene in guardia per ogni assalto, che in esso ti possa venire contro di quella fede, la quale intima al saggio del pari che all’ignorante: umiliati, e adora.

Sono però ben lontano dal credere e dal dire, che lo studio delle matematiche possa per se stesso nuocere alla Religione; gran torto mi parrebbe di fare ad una scienza figlia della ragione, se la credessi in guerra contro Quello, che vibrò nell’umana mente quel lampo del suo volto divino; e gran torto a quella Religione medesima, la quale non teme l’esame di un retto filosofo, in cui taciano le passioni. I fonti dell’incredulità sono la corruzione del cuore, e l’orgoglio della mente; del primo non può cadere sospetto, servendo anzi moltissimo le matematiche a distaccar dal sensibile, col fissarci in oggetti intellettuali ed astratti; potrebbe non essere irragionevole un sospetto sopra il secondo. Infatti un giovine che sente il sodo delle cogni-