Pagina:Platone - Fedro, Dalbono, 1869.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 116 —

de, Senofonte è parola assai spesso nei libri di Platone e Senofonte. Era di Ceo.

36. pag. 85. Ippia. Altro Sofista celebre di Elide della schiera di Prodico Trasimaco Protagora e Gorgia.

37. Polo sofista di Agrigento ancor egli discepolo di Gorgia autore di una rettorica che gli die gran fama.

38. Licinio anche maestro di Polo e nominato da Aristotele nella rettorica.

39. Il retore di Calcedonia al quale accenna è Trasimaco, vedi nota 28.

40. pag. 88. Adrasto chiama Antifonte Rannusio maestro di Tucidide. Questo oratore fu il primo che applicasse i principi dell’arte alla eloquenza giudiziaria. Allude a quell’Adrasto personaggio e nunzio eloquente della tragedia greca.

41. pag. 90. Anassagora amico e maestro di Pericle.

42. pag. 100. Il Dio Egiziano Tot o Teut lo stesso chiamato Ermete de’ Greci. Sono tanto varie le qualità di questo Dio, e le tradizioni sul conto di lui che sarebbe malagevole di ristringerle in poche parole. Tanto della invenzione attribuitagli della scrittura, quanto delle opere innumerevoli di astronomia, gramatica, matematica, geografia, commercio, che alcuni scrittori fanno giungere a ventimila, finalmente della sua leggenda vedrai in Clemente Alessandrino, Creuzer ec.

43 pag. 104. Giardini di Adone eran chiamati alcune sporte o ceste dove si ponevano a crescere e maturare erbe o biade alle quali si cercava affrettare questo rigoglio con mezzi artificiali, per averle apparecchiate alle feste di Adone.