Pagina:Poe - Storie incredibili, 1869.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —


IV.


Smeraldi e perle, topazi ed oro
     Formâr la porta con gran lavoro;
               Ma l’arte in tutto vittrice appar.
Ed ivi sboccano in gran concento
     Voci di gioja e di contento;
E gli echi a dieci, a cento, a mille
     Destan lontane mistiche squille;
E al re felice di riva in riva
     Gli echi rimandano: E viva! e viva!

V.


Ahi, ria sventura! Avvenne un giorno
     Che su quest’almo, regal soggiorno
D’infausti Spirti piombò una schiera,
     Ch’alta di morte tenea bandiera.
Tutto allor cadde nelle rovine, —
     Sovrano, Impero — tutto ebbe fine! —
Piangiam que’ giorni, fedeli amici,
     Piangiam que’ Genî già sì felici...
Tutto scomparve: l’amor, il riso,
     Il Sir, la gloria di quell’Eliso;
Solo ci resta fatale storia,
     Di vecchi tempi truce memoria. —

VI.


Ed ora il vïandante in questa valle,
     Traverso le finestre rosse e gialle,
Vede spettri passar confusamente
     Al suono d’una musica stridente;