Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 poemetti allegorico-didattici

XXVI

     Nobile pulzelletta ed amorosa,
compiuta di piacere e di bellore,
per te ringrazio ed amo piú Amore
4che mi ti face amar sovr’onne cosa;
ché tanto sembl’a me sia grazïosa
la vita dolce, che have lo core
che in te si mira, che neun dolzore
8mi pare igual di tal via disïosa;

     ne la qual vivo in un dolce pensiero:
ché spero ne la tua sembianza umíle
11trovar di certo bona pietate.
Cosí dimoro intorno a la bieltate
ch’io ’n te veggio e all’atto gentile,
14pietosamente e pur merzede chero.

XXVII

     Dappoi ch’è certo che la tua bieltate,
gentil pulzella, mi ti face amare,
e ch’io altro non posso, ben che fare
4i’ lo volesse, de’ ne aver pietate:
ché chi ci ha colpa, de’ tutte fiate,
secondo la ragion, pena portare
di ciò che indi nasce; ed i’ appellare
8posso ’l bellore e l’atto e l’umiltate

     di te, che m’hanno tolta la balía
di poter far di me, piú che ’n piacere
11si ’al tu gentil cor, cu’serv’i’ sono;
perch’io ti chero e addomando in dono
ch’a umiltá s’acconci il tu’ volere
14vêr me, o tal bieltá di te to’ via.