Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 poemetti allegorico-didattici

LIV

     Quando l’Amore il su’ servo partito
trova null’ora dal su’ pensamento,
volete udire un bel vendicamento
4ched e’ ne fa? sí è prò ed ardito,
che mantenente l’ha sí assalito
di dolor grave e soverchio tormento,
che ’nfin ched e’ non torna a pentimento
8non può di tal penar esser guarito.

     Perch’io consiglio ciascun amadore
che non si parta, ma fermi ’l disire
11in quanto che Amor vuol aportare.
Ch’onor né nullo ben vien sanz’amare,
ma lo contraro; perché mal finire
14de’ quei che n’ vuol giá mai partir su’ core.

LV

     Vita mi piace d’om che si mantene
cortesemente ne la via d’Amore,
e che acconcia il su’ amoroso core
4in ciò che vòle onore e tutto bene;
ché indi nasce tutta fiata e vene
quanto ch’om face che sia di valore:
sicché mi sembia che vivendo more
8quei, che si parte da sí dolce spene.

     Ché la vita d’amore è grazïosa,
e ’n tutte cose si sape avanzare
11lo ’nnamorato me’ che l’altra gente;
ché chi non ha d’amor né non ne sente
non puote, al mi’ parer, di sé mostrare
14neente ch’apartenga a nobil cosa.