Pagina:Poesie (Carducci).djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 juvenilia


XXII.


Qui, dove irato a gli anni tuoi novelli
Sedesti a ragionar co ’l tuo dolore,
Veggo a’ tepidi sol questi arboscelli,
4Che tu vedevi, rilevarsi in fiore.

Tu non ti levi, o fratel mio. D’amore
Cantan su la tua fossa erma gli uccelli:
Tu amor non senti; e di sereno ardore
8Piú non scintilleran gli occhi tuoi belli.

Ed in festa venir qui ti vid’io
Oggi fa l’anno: e il dire anco mi sona
11E ancor m’arride il tuo sorriso pio.

Come quel giorno, il borgo oggi risona
E si rallegra del risorto iddio,
14Ma terra copre tua gentil persona.