Pagina:Politici e moralisti del Seicento, 1930 – BEIC 1898115.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 ludovico settala


l’onorarlo di qualche ambasceria onorevole, ma di spesa grande e di tale, che poscia contro la republica non possa piú maciullare.

Per fuggir simili incontri bisogna procurare, che nel conseglio maggiore, dove per l’elezione de’ magistrati tutti si congregano, non vi siano fazioni: essendo che o da quella si fa mutazione dalla aristocrazia alla oligarchia; ovvero che tirando a sé la parte prevalente i migliori magistrati e i maggiori onori, per conservargli fra loro reciprocamente, danno occasione alla parte inferiore di procurare la mutazione, o se vi sia alcuno di spirto elevato, di farsi padrone. Per rimedio di ciò dovranno i buoni cittadini e neutrali o levar le fazioni o, non potendo appigliarsi alla parte piú debole, far contrapeso alla piú potente: cosí o s’acqueteranno i malcontenti, vedendo che in somma uomini di gran portata abbracciano la lor protezione; o perché con tali mezzi potranno ottenere quelli onori, che giudicano meritare.

Ma di piú in questa forma di republica ben si deve avvertire, se vi sará una parte del popolo, che pur sia numerosa, ma che né ancor in tutto plebea, se non s’addolcirá con farla partecipe di qualche onore e dignitá, come fassi coi cittadini onesti nella republica veneziana, vi sará sempre pericolo di sedizioni e di mutazione di governo o forma della republica. Come quasi occorse nella republica de’ lacedemoni con i parteni (de’ quali fece menzione Aristotele nel quinto della Politica al capo settimo, Strabone nel sesto, Trogo nel terzo, Pausania nei Focensi, e Lattanzio al libro primo nel capo ventesimo), che credendosi pari agli altri cittadini, sprezzati però dagli altri, finalmente fatta fra loro congiura d’uccider all’improvviso il senato e tutti gli ottimati, e mutare la forma de la republica e impadronirsene: ma scoperta da alcuni degli eloti per esser quelli tanti, fu preso partito non di levarli con l’armi, ma persuadergli a mutar fede e paese; e cosí, datogli per capo Falanto, furono condotti nella Grecia grande, dove occupato Taranto ivi formarono una republica.

Si procurerá ancora che, se alcuno di quelli che governano