Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 le selve

Guarda la moltitudine anelante
Alla conquista della mèta eccelsa.

Or via, scongiuro, a me che canto svela50
Tu, Clio, dell’immortal Vate la culla
E il divin nascimento: a te ciò spetta,
Ché, da sí lunghi secoli consunta,
Senza voce è la Fama, e angusta l’evo,
Che già volse, alla Dea le cento bocche.55
Erasi Giove a visitar condotto,3
I consueti etiopi banchetti
Ed il padre Oceàn, carico d’anni,
E di Teti prolifica gli spechi;
E, pago dello scettro, disarmata60
La destra dell’etnèa folgore aveva:
Tranquilla maestà la fronte allieta,
E nel divino aspetto aurea la pace
Rifulge; il tuono e le tempeste, lungi.
Splendido in vista e ossequïoso, tutto65
Il concilio de’ Numi al re tien dietro.




Ridet anhelantem dura ad fastigia turbam.30
Vos, age nunc, tanti, precor, incunabula vatis
Divinosque ortus, Clio, dictate canenti:
Muneris hoc vestri; longis siquidem obsita saeclis
Fama tacet, centumque deae premit ora vetustas.
Iverat Aethiopum solitas invisere mensas35
Oceanumque senem et foecundae Tethyos antra
Juppiter, aetnaeoque manum exarmaverat igni
Contentus scaeptris: frontem tranquilla serenat
Majestas, sanctoque nitet pax aurea vultu;
Nimbi hyemes tonitrusque procul; regem omne deorum40
Concilium, facie cultuque insigne, sequuntur.