Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 le selve

Ebbe in onore, che di Leda i figli
Da tremenda ruina ebber sottratto;
Nel fondo della cui vuota cassetta,
Divelti i crini, lacere le vesti,950
Piangon le Grazie; e che fin dopo morto
Vendicator della sua tomba sorse.
E i Laconi essi pur, da naturale
Concisïone di favella astretti,
Profondon lodi all’adottato Alcmano44955
Pel ricco eloquio; or lui, cui Lidia addusse
Ostentatrice d’aurei fonti, Lidia
Da vermi e tabe ahimé piange corroso.
Ma te, cui detta armonïosi versi
Suadela divina, Ibico, e vai45960
Celebrando un amor cosí virile,
Numi e gru non lasciàr senza vendetta;
E or l’ossa tue nelle reggiane tombe




Quem coluit, saevae quem subtraxere ruinae
Ledaei juvenes; vacuam cui tristis ad arcam
Gratia flet, laniata comas nudata lacertos;
Quippe sui vindex fuit et post fata sepulchri.
Ipsi etiam patria pressi brevitate Lacones610
Adscitum largo tamen ore Alcmana recensent;
Quem tulit auriferos ostentans Lydia fontes,
Nunc gemit heu tineis artus et tabe peresum.
At te cui numeros dictat dea Suada canoros,
Ibyce, quique marem tantum meditaris amorem,615
Nec superi nec avis pygmaea reliquit inultum;
Et nunc rheginis tua sedibus ossa quiescunt.
Nec vulgare canit, dulcis ab Iulide Siren,