Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 le selve

Una sorella, abitatrice allora
De’ nostri boschi. A te quella divina,
Della fronda poetica le chiome
Ricingendo mai sempre e di fior novi,
Inspirava un amor nobile. Ed ecco,1165
Mentre tu canti Pane, che alle corde
Dell’Apollinea cetra ardisce opporre
De’ tessalici boschi entro uno speco
L’umili canne sue, la stessa Ninfa
A te accorre invocata, e, senz’indugio,1170
Di sacri entusïasmi il cor ti scalda;
Onde per te già Galatea benigna
Corinto vede che alla notte canta.
E chi gli ardenti desidèri ignora
Ed i sospiri che l’amor t’accende?1175
Sia che audace una stella a te rassembri
Di pieno giorno contrastar con Febo;
O, pallida nel volto ed infelice,




Seu soror aonidum et nostrae tunc hospita sylvae.
Illa tibi, lauruque tua semperque recenti
Flore comam cingens, pulchrum inspiravit amorem.
Mox et apollineis audentem opponere nervis745
Pana leves calamos, nemoris sub rupe pherei,
Carmine dum celebras, eadem tibi virgo vocanti
Astitit et sanctos nec opina afflavit honores.
Ergo et nocticanum per te Galatea Corinthum
Jam non dura videt. Nam quis flagrantia nescit750
Vota, cupidineoque ardentes igne querelas?
Seu tibi phoebaeis audax concurrere flammis
Claro stella die, seu lutea flore sequaci