Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 il milione

bataglia inanzi comenzò el Gran Can ad aver alinfanti per bataglia. Or cusi andò questa bataia come avete aldido. Or lasseremo de questo e trateremo d’altre cose.

cv (cxxiv)

Della grande china.

Quando l’uomo si parte di questa provincia ch’io v’ho contato, l’uomo discende per una grande china, ch’è bene due giornate e mezzo pure a china; e in quelle due giornate e mezzo non hae cosa da contare, salvo che v’ha una gran piazza, ove1 si fa certa fiera certi dì dell’anno. E quivi vegnono molti mercatanti che recano oro e ariento e altre mercatanzie assai, ed è grandissima fiera. E quegli che recano l’oro e l’ariento quiritta, niuno puote andare in loro contrada, salvo ch’eglino, tant’è contrada rea e divisata dall’altre; nè niuno puote sapere ov’egli stanno, perchè niuno vi puote andare. Quando l’uomo hae passate queste due giornate, l’uomo truova una provincia verso mezzodie, ed è agli confini dell’India, ch’è chiamata Amie. Poscia va l’uomo quindici giornate per luogo disabitato e sozzo, ov’hae molte selve e boschi, ov’hae lionfanti e liocorni assai e altre diverse bestie assai: uomeni nè abitazioni non v’ha. Perciò vi lascerò di questa contrada, e dirovvi d’una istoria, come potrete udire.

  1. Pad. se fa fiera... tre dì della setemana...: a quela fiera aduxeno oro per cambiar in arzente; e i mercadanti d’altre contrà gli aduseno l’arzento e tuo’ de questo oro e fane gran guadagno, perchè i àno uno sazio d’oro per zinque d’arzente. Quelle zente... abitane per sea signoria in luoghi altisimi e forti, e sono sì diversati luoghi, che no ’nde va mai niuno se non egli; sì che l’altra zente non sano dove i abitano.