Pagina:Postuma.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Postuma Sacchetti 128.jpg



LX.


 CHI potesse ridir quanto l’amai
Questa bianca beltà che par di cera,
Questa beltà che non sorride mai
4Che mai non piange e s’abbandona intera;

    Quante volte a quest’occhi domandai
Un lampo sol di voluttà sincera,
E quante volte l’anima cercai,
8Nel bacio suo, ma l’anima non c’era;

    E quante volte nel secreto letto
Questo foco fatal che mi divora,
11Folle, tentai di suscitarle in petto;

    E quante volte del dolor nell’ora,
Quando sanguina il cor, l’ho maledetto
14Questo spettro d’amore, e l’amo ancora!


Postuma Sacchetti 18.jpg