Pagina:Postuma.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Postuma Sacchetti 140.jpg



Et rose elle a vecu ce que vivent les roses,
L’espace d’un matin.
Malherbe.

 A
MICO mio, tra le viltà pompose
Di questa rea Babel, traggo la vita
Disutile, tediata, imbecillita,
4Maledicendo gli uomini e le cose.

    Amico mio se il fato in me ripose
Qualche forza d’ingegno, or m’è fuggita:
La giovinezza mia giace sfiorita,
8Giace e visse un mattin come le rose.

    Invan tu parli a questo cor mio gramo
Chiuso alle gioie ormai, chiuso alle pene;
11Non credo più, non spero più, non amo,

    E, dolorando, il primo nostro bene
Amore, amore ne’ miei sogni chiamo...
14Guarda! Invece d’amor la morte viene!

Napoli 1872.


Postuma Sacchetti 18.jpg