Pagina:Postuma.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

postvma. 155


    Anch’io, vana polvere
D’un idolo infranto,
Nel dì dell’angoscia
T’ho dato il mio pianto,
T’ho svelto dall’anima,
Tradito amor mio,
T’ho dato l’addio
40Che ai morti si dà;

    Ed oggi resusciti
Più lieto, più bello;
Ti strappi il sudario,
Infrangi l’avello...
Oh, riedano i cantici
Del tempo migliore,
Risorto è l’amore
48Che più non morrà!

    Amica, ridonami
L’affetto gentile,
Nel crine t’olezzano
Le rose d’aprile,
Di baci son avide
Le labbra frementi,
Negli occhi lucenti
56Scintilla il desir!