Pagina:Postuma.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 postvma.


Oh, quante volte stanco io chiusi gli occhi
    Poichè la forza al mio desir fallì
E il capo riposai sui tuoi ginocchi
16 Desiderando di morir così!

Ma quando sull’aurora una lontana
    Squilla di bronzi entrambi ci destò,
Pagai le tue carezze, o cortigiana,
20 E la vergogna in cor mi ritornò.

Torna, cagna furente, al tuo covile
    Sotto ai bruti irruenti a spasimar,
Torna all’infamia tua; sei troppo vile,
24 Sei troppo vile; non ti posso amar!



Postuma Sacchetti 149.jpg