Pagina:Postuma.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 postvma.




È la vita che move il tenerume
     Del polipo natante;
È il vegetar del verro entro al pattume
     Del brago ributtante;
Un medico direbbe: è un caso bello
     18D’atrofia di cervello.




E pur così sempre non vissi, e torna
     Il mio pensiero ai lieti,
Ai cari monti che la vite adorna,
     Ai tranquilli oliveti,
All’innocente riso, alla gaiezza
     24Della mia fanciullezza.




Odorati rosai, dov’è rivolta
     Ogni speranza mia.
Dove il mio core amò la prima volta
     E che l’estrema fia,
Questo vi giunga almen lontano addio,
     30Rosai dell’amor mio!