Pagina:Progetto della strada di ferro da Milano a Bergamo.djvu/1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

419

VARIETÀ.




Progetto della strada di ferro da Milano a Bergamo.


In un tempo in cui l’attenzione del pubblico è particolarmente rivolta ai diversi progetti di strade ferrate che vorrebbero costruirsi nel Regno Lombardo-Veneto, ci siamo fatti solleciti di raccogliere in questa Biblioteca le più importanti notizie ad essi relative, dando la preferenza a quelle Memorie che contengono dei dati positivi sia statistici, sia geometrici; giacchè sarebbe opera perduta il tener dietro a tanti scritti che vengono giornalmente in luce e che presentano o vaghi ragionamenti, o inconcludenti polemiche sopra un argomento che gli autori di essi mostrano di non conoscere fondatamente.

Nel tomo 83 pag. 263 abbiamo inserito per intero un accurato lavoro comunicatoci dal sig. Ingegnere Bruschetti accompagnato da una carta rappresentante la linea della strada ferrata da Milano a Como e le relative livellazioni e sezioni.

Lo stesso Ingegnere per meglio conoscere tutti i perfezionamenti che in questi ultimi anni si sono introdotti ne’ paesi oltramontani in simil genere di costruzioni, si recò a visitare un’altra volta le principali strade ferrate fuori d’Italia, indi di ritorno in patria ha posto a profitto le acquistate cognizioni nel preparare di concerto coll’ingegnere Albino Parea al progetto d’un’altra strada di ferro che condurre dovrebbe da Milano a Bergamo. L’apertura d’un tal mezzo di comunicazione colla capitale, ideata e suggerita dagli stessi ingegneri sunnominati che per i primi si fecero a chiederne il sovrano privilegio ed ora più che mai vivamente desiderata dalla popolazione bergamasca; è già stata proposta per via