Pagina:Pulci - Morgante maggiore I.pdf/373

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
354 il morgante maggiore.

24 Quando Rinaldo sarà ritornato,
     Perch’io m’avveggo tu gli porti amore,
     Ciò che promesso gli hai fia osservato,
     E giusto il mio poter farengli onore,
     Tanto che in Persia si sia ritornato:
     Quivi si poserà, sendo signore:
     Direm che nella Mecche tu sia andata,
     E ’n pochi giorni qui sarai tornata.

25 Gano in sul fatto diceva parole,
     Ch’eran tutte de’ colpi del maestro:
     Quando Antea vide che ’l Soldan pur vuole,
     Rispose che parata era a suo destro:
     Fannosi insegne, come far si suole,
     E fornimenti per luogo campestro,
     Padiglioni e trabacche s’apparecchia,
     E tutta l’arme si ritruova vecchia.

26 Non credo che mai tanto martellassi
     In Mongibello il gran fabbro Vulcano,
     Quanto per tutta Babillona fassi:
     E chi portava l’arco soriano,
     Racconcia le saette co’ turcassi;
     Chi la sua scimitarra piglia in mano,
     E vuol veder s’ell’è di tutta pruova;
     Chi briglie e selle, e chi staffe rinuova.

27 In pochi giorni son tutti assettati,
     E diè il Soldan le sue benedizioni
     Alla figliuola, e sono accomiatati,
     E dati tutti al vento i lor pennoni;
     Guardava Antea que’ cavalieri armati,
     E tutti gli vagheggia in sugli arcioni,
     E dice: Io vedrò pur Cristianitade,
     Castella e ville e l'altre sue contrade.

28 Le sue marine, i boschi, i monti e ’l piano,
     E ’l bel castel che guarda Malagigi
     Del mio Rinaldo, detto Montalbano;
     Vedrò la bella chiesa San Dionigi:
     Vedrò il Danese, Astolfo e Carlo Mano,
     Quand’io sarò a combatter poi a Parigi;
     E s’io torrò a Rinaldo il suo castello,
     Potrò ciò ch’io vorrò poi aver da quello.