Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 il morgante maggiore.

37 Ed anche poi il gigante per la pena.
     Aldinghier, quando lo vide caduto,
     Subitamente un gran colpo gli mena.
     Al collo del gigante s’è abbattuto,
     E con la spada tagliente lo svena:
     L’altro fratel, come questo ha veduto,
     Si scaglia a Ulivier di furia acceso,
     Ed abbracciollo, e portanel di peso,

38 Come farebbe il lupo un pecorino;
     Ma ’l buon pastore Orlando lo soccorse,
     E disse: Posa, posa, Saracino,
     Posalo giù; tu non credevi forse,
     Che fussi presso il guardian nè il mastino?
     Di che il gigante per ira si morse,
     Che ’l sangue a Ulivier voleva bere,
     Ma per paura sel lascia cadere.

39 Ulivier ritto si levò di terra,
     E trasse a quel Pagan con Altachiara,
     E nella trippa una punta disserra,
     Dicendo: Tu berai la morte amara.
     E con quel colpo morto giù l’atterra,
     E bisognò che trovassi la bara:
     Eron già morti tre, restavane uno,
     Ch’era più fiero e forte che nessuno.

40 Orlando disse: La battaglia è mia,
     E tocca a me quest’altro che ci resta;
     E ’l fêr gigante pien di bizzarria
     D’un mazzafrusto gli diè in su la testa,
     Che poco men ch’Orlando non cadia.
     Gridò Rinaldo: Ed anco tua fia questa
     Picchiata, come hai detto la battaglia:
     Non se’ tu Orlando, o ’l brando più non taglia?

41 Allora Orlando lo scudo abbandona,
     E ’l pome della spada appoggia al petto,
     E ’nverso il Saracin se stesso sprona,
     Quando e’ sentì quel che ’l cugino ha detto;
     E terminò passargli la persona:
     Giunse la punta al bellico al farsetto,
     Ch’era di ferro, e ogni cosa infilza,
     E passò il ventre e ’l fegato e la milza.