Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto ventesimoquarto. 213

19 Or chi vorrà insegnare al traditore
     Commetter qualche scandol, qualche frodo,
     Sarà come chi insegna al buon sartore
     Tener l’anello in dito, o fare il nodo;
     Non è guarito Gan del peccatore,
     E scrisse al re Marsilio in questo modo:
     Salute in prima al gran signore Ispano
     Manda il suo caro umíl servitor Gano.

20 Tu vuoi, Marsilio, far come fa quello
     Che giuoca a scacchi, e pensa d’un bel tratto,
     E poi che l’ha veduto, d’un più bello
     Ricerca, e non gli basta scaccomatto:
     Il lupo vuol far pace coll’agnello,
     E che si scriva per suo dato e fatto;
     E statico il monton sia dato e’ cani,
     E tu sarai quel desso e’ tuoi Pagani.

21 Loica non è questa, ognun la intende,
     Salvo che Bianciardin, che tu mandasti;
     Il qual forse costì del senno vende,
     Ma qui non n’arrecò tanto che basti:
     Non so come le cetere or distende;
     Ma perchè molto me lo commendasti,
     Io feci più che tu non hai richiesto,
     E conferi’ quel che non era onesto.

22 E dissi pur che non credessi a Namo,
     E molto meno al duca di Bretagna,
     Ch’ognun ha sotto l’esca il fuoco e l’amo:
     E’ si pensò recarne in man la Spagna:
     E’ m’incresce che qua noi ne ridiamo,
     E presto arai la pace alle calcagna;
     Cioè Orlando, il nipote di Carlo,
     Che tutti siam d’accordo a coronarlo.

23 Tu hai pur tanto tempo combattuto
     Con Carlo, che oramai debbi sapere,
     Che vorrebbe dal ciel qualche tributo,
     Poi che Fiovo suo ebbe le bandiere;
     O forse Bianciardino è troppo astuto,
     E non ti lascia ogni cosa vedere:
     Però, se appresso a te quel savio tiensi,
     Fa che tu anche come savio pensi.