Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 il morgante maggiore.

69 Maraviglia fu grande, al parer mio,
     Che gli passò lo scudo, ch’era d’osso
     D’un certo pesce, come piacque a Dio,
     E ’l piastron sotto molto duro e grosso;
     E benchè Falseron presto morìo,
     Niente della sella si fu mosso,
     Tanto che ignun del suo caso s’accorse:
     Orlando col cavallo oltre trascorse.

70 Poi ritornò, chè volea pur vedere
     Di Falseron come la cosa vada,
     Chè nel passar non lo vide cadere;
     Ma come questo toccò con la spada,
     Subito cadde fra’ morti a giacere:
     E maraviglia non fu perchè e’ cada,
     Ma perchè, come alla terra fu giunto,
     Dicon che il corpo disparì in un punto.

71 Ora hai tu, Falseron, la tua vendetta
     Fatta, e condotto a Siragozza Gano!
     La gente sua vi corse con gran fretta:
     E scesi in terra, e distesa la mano,
     L’arme trovoron, come quando getta
     Il guscio il granchio, chè drento era vano.
     O nuovo caso, o segno, o gran portento,
     Quanto Dio abbi in odio il tradimento!

72 Quando i Pagan Falseron vidon morto,
     Ognuno spazzerebbe la campagna,
     Tanto ne preson terrore e sconforto;
     Ma d’ogni parte era tesa la ragna,
     Chè il re Marsilio, per veder più scorto,
     Recato s’era in su l’alta montagna,
     E circundava tutta quella valle,
     Sì che voltar non potevon le spalle.

73 Fecesi innanzi quel corbacchion nero,
     Che si chiamava tra lor Finadusto,
     Con un baston che non era leggiero;
     E sette braccia il Pagano era giusto:
     Berlinghier vide venir questo cero,
     E non guardò perchè e’ fusse gran fusto,
     E ’l baston grave e mazzocchiuto e grosso,
     Ma con la lancia gli correva addosso.