Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/411

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
408 il morgante maggiore.

17 Ed io meco medesimo disputo,
     Quand’io ho ben raccolta la sua vita,
     Come egli abbi un error tanto tenuto:
     Ma la natura divina è tradita,
     E non ha sanza misterio voluto;
     Chè la sua sapienzia è infinita:
     Credo che Iddio a buon fine permette
     L’opere sante, e così maladette.

18 Però che Carlo per esperienzia
     Dovea molto saper, perchè ne’ vecchi
     Accade e non in giovane prudenzia,
     Poi ch’ella è figurata con tre specchi;
     Avea buon natural, buona scienzia;
     E come il traditor gli era agli orecchi,
     E’ gli credeva ogni cosa a sua posta:
     Sì ch’io non fermo ancor la mia risposta.

19 Molte volte, anzi spesso, c’interviene
     Che tu t’arrechi un amico a fratello,
     E ciò che fa, ti par che facci bene,
     Dipinto e colorito col pennello:
     Questo primo legame tanto tiene,
     Che s’altra volta ti dispiace quello
     E qualche cosa ti farà molesta,
     Sempre la prima impression pur resta.

20 Avea già lungo tempo Carlo Magno
     Tenuto in corte sua Gan di Maganza,
     Ed oltre a questo vi vedea guadagno,
     Però che Gano avea molta possanza,
     E qualche volta gli fu buon compagno:
     E perchè molto può l’antica usanza,
     L’abito fatto d’uno in altro errore
     Facea che Carlo gli portava amore.

21 Altri direbbe: dimmi ancora un poco:
     Gan sapea pur ch’egli avea tradito,
     E ch’e’ doveva alfine ardere il foco:
     Come non s’era di corte partito,
     Acciò che riuscissi netto il giuoco,
     Sendo tanto mascagno e scalterito?
     Credo ch’io l’abbi in altro cantar detto,
     Ch’ogni cosa si fa per un dispetto.