Pagina:Ra Gerusalemme deliverâ.pdf/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

89
Quello, chi l'ha sacciûa per via diviña,
E che o m'ha dîto a mi, mi te destrigo;
Che moæ foì Grega, Barbara, o Latiña
Progennie in questo, o in âtro tempo antigo
Tanto ricca d'Eroi, quanto destiña
Bravi Nevi a ti solo ro çê amigo,
Che a ri ciù guappi faran veì maomma
De Sparta, de Cartagine, e de Romma.

90
Çærno però fra ri âtri Alfonso, o disse,
Secondo, ma in virtù primmo de tutti,
Che quando ri ommi saran peìre nisse,
Questo allora uscirà per dâ dri aggiutti,
E o pesterà co i pê comme re risse
Ri bravaccioin, ri guappi, e i ferrabutti:
Ommo de spâ, de pêto, e de governo,
Dro quæ ro nomme viverà in eterno.

91
O farà da piccin cose da un Marte,
O n'avrà poira manco dro diavo,
O saverà de caccia ra sò parte,
Dri Barrabin1 o sarà ancon ciù bravo,
In guerra o l'averà ro braçço, e l'arte,
E a tutto o saverà piggiâ ro cavo;
Sicchè no ghe sarà scettro, o coroña,
Chi no degghe illustrâ ra sò persoña.

92
E poi quando sarà carrego d'anni,
O no starà zà lì con re cóe ciatte:
Dro Regno, e dre çittæ vegiando a i danni,
No lascerà che moæ nesciun ro gratte:
Quell'ozzio, chi è caxon de gren maranni,
Da ri sò stati, o cærcherà, ch'o sbratte:
Severo in castigâ, pronto a dâ aggiutto,
A prevedde, e provedde sempre a tutto.

93
Oh se mai feççe Dio, che a ro commun
Nemigo in quelli tempi stravaganti,
Ch'o sarà tanto forte, che nisciun
N'averà cœu d'andâghe, o stâghe avanti,
Foîsse lê contra lô, che lê d'ognun
Cappo sciortisse fœura! oh quanti, oh quanti
Fæti o fareiva! con re veìre in sacco
Tutti o ri mandereiva affe' de Bacco!

94
E se contro de lê quanta canaggia
Gh'è int're l'Asia, e int're l'Affrica s'armasse,
O ne faræ de tutti uña ligaggia,
O ne faræ triacca, e tante straççe,
E armaoù quest'ommô d'uña santa raggia,
O faræ, che ra Croxe sparegasse
In cò dro mondo, e ra Fe Crestiaña
A Ponente a Levante, e a Tramontaña.

95
Così parlava ro bon vêgio, e in mente
Rinardo allegro tutto o re tegniva,
E in descrovî ra fin dro so Ascendente,
No poeì cræ che piaxeì o ne sentiva.
L'alba intanto spontava in Oriente,
E ro fanâ dro Sô zà compariva,
E zà re Tendie, e zà in çento mainêre
Se veìvan fâ sciaratto re bandêre.

  1. Famosi Cacciatori di Polcevera.