Pagina:Raffaello - Lettera a Leone X, 1840.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42

acquedotti neroniani dell’acqua Claudia in sul monte Celio, ed altrove, che apertamente si scorge essersi adoperate scale, per portare tant’altro così nefanda devastazione. Opera era questa di barbarie e di miseria. Ma quanto più orrende cose non abbiam noi veduto eseguirsi a questi ultimi tempi! Non mura scrostate, ma distrutte: non monumenti guasti, ma troncati. Cadere, non so se per malvagità od ignoranza, esimie parti di antiche fabriche, intatte alle mani degli sciagurati e dei barbari: horresco referens!

(13) La torre della milizia è quella inchiusa oggi nell’orto del monastero di Santa Caterina da Siena, che il volgo chiama torre di Nerone, e narra aver’egli dall’altezza di essa mirato l’incendio della città, acceso per proprio suo ordine.

(14) La bussola, istromento allora di recente invenzione, e quì minutamente descritta da Raffaello. Errò certamente il Giovio, che nell’elogio dell’urbinate, fatto pubblico dal Tiraboschi, ad esso Raffaello ne attribuì l’invenzione. Forse è più simile al vero, ch’egli per il primo l’adoperasse, onde ottenere le esatte misure degli edifizi; e questa opinione troverebbe per avventura un sostegno in quanto ne scrive egli stesso nella presente lettera.