Pagina:Regolamento per il pubblico tiratoio dell'arte della lana di Prato.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 9 —


(b) Giornale degli stanzoni e lastrico in cui registrerà giornalmente e senza interruzioni le domande per gli stanzoni e lastrico notando il numero della domanda ed il cognome e nome del richiedente.

Nella pagina opposta noterà il giorno della consegna delle chiavi, lo stanzone e la parte di lastrico assegnatogli, il giorno nella restituzione delle chiavi e nella speciale colonna la tassa dovuta.

(c) Libro debitori e creditori sul quale sarà dal Custode accesa a ciascun ricorrente la respettiva partita di Dare e Avere sia per ritirature, sia per nolo di stanzoni e lastrico.

(d) Giornale degli acconcimi in cui registrerà tutte le opere e giornate occorse per i resarcimenti e acconcimi ordinati dai Deputati secondo le loro competenze

30. I Registri di cui nell’articolo precedente numerati e firmati in ogni pagina dal Sindaco o suo Delegato sono somministrati dal Comune al Custode, e parimente il registro per le ricevute degli incassi che è autorizzato di ricevere.

Quelli indicati alle lettere a. b. c. sono annuali e così il registro delle ricevute; il registro d. potrà servire per più anni.

Entro il mese di gennaio il custode restituisce al Comune i registri a. b c. e il bollettario delle ricevute dell’anno precedente per essere conservati nell’archivio Comunale.

Il registro d. viene da esso riconsegnato quando non offra più spazio alla scrittura.

I mandati e le domande saranno conservate dal custode per 5 anni.

31. Entro il mese di gennaio il custode redige le fatture dei diversi debitori dell'amministrazione e dopo essere state riviste dalla Ragioneria Comunale in confronto ai mandati e alle scritture le reca al domicilio dei clienti.

Il dazzaiuolo per il Tesoriere Comunale sarà formato dalla