Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

119


ALL'HONORATO SIGNOR

Gio. Pietro Crollalanza.


CRISTOFFORO ZABATA.



EGNO’ Gian Pero, come sei corteixe,
(E che sei da caschun speixo per tà)
Ve prego che ve chiaxe d’acettà
Questo don, che ve fazzo a ra Zeneixe.

5Perzò che ne distanza de paeixe
Ni longhezza de tempo strappassà,
N’han possuo come vei moe deschiantà
Dra gratia vostra, entr’o me cuoe re reixe.

Sò ben che fossa haora direi che son
10Odacioso, e che prezumo assè
Chiu de quello che a mi no se conuen,

Però ve prego che me perdonè
Se merito de questo reprenson
Puoe c’hò fetto ogni cossa, a fin de ben.