Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 123


LORENZO QUESTA
à Christoffa Zabata.



E Dexiro da vui che me dighè
(Perche de questo dei sauei tratà)
Se a re chiape dre neghe se fa mà
Chi cauarcando va tente giornè.

5E s'hauei per camin patio assè
Per i egue spesse che conuen passà.
E se ro seto vi senti bruxà.
E s'esse a Zena chiù ve dexire.

E quenti di sei steto per camin
10E in quella sempre vergine Cittè
S'arriuassi da seira, o da matin,

E come feta l'hà ri dui Compè
Saruarezza, e Bernardi, amixi fin,
Perche hò de lò martello in verite,

15Perche d'amixi te
Fazo gran stima, come pu don fà
Per zo che lò ro meritan me pà.

E se a ro so tornà
Terran per ra Cittè chi a pe dro Pò
20Che voggiando di aora, dixan .

Ro nome no ro sò,
Ma di voeggio onde fan ri contadin
Formaggie, come roe da morin.

Ancon dexiro in fin,