Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 DOMANDE


31


Vn, che quando menazza sempre taxe
Ni moe s'astizza, che elo diro vui
Donne mee, se de diro hora ve chiaxe.

32


Vn Poere hà doze figij
N'hà ogni figioue trent'atri,
Se vui l'adauinè, sei chiu de i atri.

33


Andareiua de chi, fin in cocchagna
Per vostro amò, se me sauessi dì
Che cosa quella sea qua no sò mi
Che stando soura l'egua no se bagna.

34


Se vui no sauei di chi dro capon
Se taggie prima, e dirò ben che sei
(Per diro a ra Zeneize) un'arbicon.

35


A diue una mea cosa me confondo
Quà fui quell'Aze chi ragnò si forte
Che caschun ro sentì ch'era a ro mondo?

36


Unna cosa è chi se ve, si se toccha
Che a marelede si tosto è toccà
Che no è chiu, ni se ve, ni se toccha.