Pagina:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ZENEIXE 23


7E puo che da tutt'homo noi caghè
Aura fa se lasciemo tente offeise
A mi Poro deschiaxe zuro a Dè
Che no sacchie parlà saruo Zeneise,
Che se parla sauesse forestè
Direiua che no son d'esto paeise,
Perche de noi si trista fama mande
Che n'è feto ro loro in mille bande.

8Ma spero pue che un di ro chiero sò
Dro nostro Duxe Doria Serenissimo
Con ra uirtue dro so gran sprendò
E dro Senato ancora Eccellentissimo,
Deggian spazza re nuuere d'errò
Dri Bandij chi l'ere fan scurissimo,
Dra terra nostra, e tutto ro contorno
E presto aruine un chiero, e bello giorno.