Pagina:Rivista di cavalleria (Volume I, 1898).djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la preparazione della cavalleria moderna 155

si deve ad una marcia forzata di due squadroni i quali occuparono un nodo ferroviario importantissimo superando in 18 ore 193 chilometri.

Nel 1882 fu in seguito ad un eminente studio del colonnello Baikow, primo aiutante del generale Gurko, creata la Einheits―Cavallerie (i Dragoni) ed istruita sul sistema dei Raids americani, per mezzo di trequenti corse di resistenza.

Il generale Strehkow, comandante della 4a divisione di cavalleria in Bielostok fece eseguire simili corse a vari ufficiali come pure ad interi corpi; nel maggio 1884 i Dragoni della guardia si portarono in due giorni da Nowgorod a Krasaoje-Szelo, facendo 80 chilometri in 10 ore nel primo, e 74 chilometri in 9 ore nel secondo, su una cattiva strada inghiaiata di fresco.

L’importante nell'esecuzione delle corse presso i russi è che le intraprendono in tutte le stagioni, su qualunque anche pessime strade e senza riguardo al tempo.

Nel 1886 il granduca Nicola, ispettore della cavalleria con un apposito ukas ordinò che tanto da ufficiali quanto da intere divisioni venissero eseguite il più frequente possibile prove di resistenza, e che a tal uopo si preparassero uomini e cavalli. Immediata conseguenza di ciò fu che: il 10o dragoni eseguì 350 chilometri in 4 giorni (87 chilometri per giorno), l'11o dragoni 410 chilometri in 5 giorni (82 chilometri per giorno), il 12o dragoni 301 chilometri in 3 giorni (100 chilometri per giorno) il 4o Cosacchi del Don 305 chilometri in 3 giorni (102 chilometri per giorno).

Il generale Strehkow, comandante la 4a divisione di cavalleria, superò alla testa di vari squadroni della sua divisione 175 chilometri in 33 ore, di cui 16 e mezzo di riposo.

Nello stesso anno furono istituiti i comandi di caccia; vuol dire i migliori cavalieri degli squadroni passarono una particolare istruzione a lunghe corse allo scopo di formare esperti cavalieri, abili di seguire i loro superiori anche nei più estesi raids, determinati dal servizio di pattuglia di ufficiali.

Al 22 novembre 1890 il comandante del 4o corpo d'armata chiamò a Wolkowysk tutti i comandi di caccia dei reggimenti di cavalleria sotto i suoi ordini; di questi non pochi avevano da superare oltre 100 chilometri al giorno per presentarsi alla visita.»

Dopo di aver enumerato altri brillanti esperimenti di questo sistema di corse imposte tanto ai singoli cavalieri che ad interi reparli di truppa, il generale Schlieflfen accenna ad uno speciale regolamento sulle marce forzate, pubblicato in Russia nel 1891, col quale si dispone che tutti gli ufficiali, i sottuf-