Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bibliografia 301

d’uopo che questa differenza fisionomica nei tipi della 2° liberalità di Elagabalo fosse confortata da una buona serie di esempii, e non sopra l’eccezione dell’A. Tutte le ragioni analogiche e storiche stanno in favore dell’attribuzione ad Elagabalo.

Il denaro vota pvblica di Elagabalo [n. 306] è ugualissimo a quello descritto dal Cohen 2a al detto numero, per cui non reggo la ragione della parentesi quadra.

Il denaro libertas avg di Elagabalo messo in dubbio dall’A. mi par più probabile e verisimile appartenga a Caracalla, e sia una varietà del n. 143 Cohen 2.a

Quanto agli antoniniani di Gordiano Pio [n. 173] pax avgvsti (10 esemplari) non sono in niun modo diversi da quelli descritti nella 1a ed. del Cohen, IV, 132, n. 70, e che nella 2a ed. si diedero con leggenda errata pax avgvst invece di pax avgvsti.

Lo stesso sbaglio si verifica per gli antoniniani di Filippo I aeqvitas avqg [u. 9 12], che nella 2a ed. del Cohen sono errati nella leggenda mentre sono esattamente descritti nella 1° ed., IV, 176, nn. 8 e 10.

A tal proposito non posso dispensarmi di mettere in guardia tutti i descritori di monete imperiali romane, affinchè non sieno facili ad ammettere le varietà nuove, fidandosi della esattezza della seconda edizione del Cohen, edizione la quale in effetto è invece molto meno esatta della prima. Ebbi ad avvedermi di questo imperdonabile difetto studiando testé particolarmente le monete di Traiano (V. nel secondo vol. del Museo italiano di antichità classica il mio scritto Di alcuni ripostigli di monete romane, pag. 316 sgg.), ma pur troppo vado constatando che il difetto si estende a tutta l’opera. Appena si può immaginare di quali e quanti errori nel campo numismatico e storico potrebbe essere fonte la nuova edizione dell’unico nostro grande repertorio delle monete romane imperiali, se il solerte suo attuale curatore non affida a collaboratori competenti e coscienziosi la revisione dell’intera opera, e ritarda la pubblicazione del desideratissimo errata-corrige 1.

Ritornando al nostro A., piacemi dichiarare che egli, con la pubblicazione del ripostiglio di Magonza ha per certo reso un segnalato

  1. È da sperare che la Imp. Accademia di Berlino, la quale ci ha liberato una buona volta dagli errori del dilettantismo epigrafico col Corpus inscriptionum, vorrà por mano a liberarci altresì dai non meno gravi errori del dilettantismo numismatico col promessoci Corpus nummorum.