Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/455

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

serie del bronzo imperatorio, ecc. 431

quelli che portano due teste, una per ciascun lato, siano esse di due Imperatori, siano di un Imperatore e d’un’Augusta, siano infine quelli abbastanza curiosi, ma abbastanza numerosi per non poterli giudicare il prodotto d’un errore o d’uno scherzo isolato, che portano la medesima testa ripetuta sui due lati della moneta, per lo più con ornamentazione e leggenda variate; ma alle volte anche perfettamente simili in tutto. Questi bronzi a due teste sono sempre mancanti delle lettere S C e quindi emesse direttamente dall’imperatore. La sola eccezione si verifica nei bronzi colle teste di Antonino Pio e M. Aurelio, i quali portano le lettere S C; e difatti, come di omissione del Senato, sono comuni, mentre gii altri sono tutti rari o rarissimi.

Sono pure tutte imperatorie le monete che, incominciando colla famiglia di Settimio Severo, portano tre teste d’Imperatori, Cesari od Auguste, e quasi tutte quelle che hanno due teste al dritto e una rappresentazione al rovescio.



La maggior parte delle monete che costituiscono la nostra serie imperatoria si trovano già descritte nelle pubblicazioni esistenti, e riassunte nel catalogo generale Cohen; tutto sta a sceverarle dalle senatorie con cui sono confuse1. Alcune incom-

  1. E tale scelta non è sempre facile, perchè parecchie monete, che dalle descrizioni risulterebbero mancanti dello lettere s e, in realtà non lo sono. Diverso sono citate dai vecchi autori (Museo Tiepolo, Tanini, Vaillant, ecc.), i quali, nelle loro descrizioni, omettono costantemente le lettere s c, non perchè manchino realmente, ma perchè lo sottintendono nelle monete coniate dal Senato. In qualche altra poi ebbi campo a ve-