Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
326 nicolò papadopoli



[immagine da inserire]


3. Argento (peso grammi 5.48).

D/ — Stemma Gonzaga coronato, fra lo scudo e la corona una stella: SCIP • GON • S • R • I • ET • BOZ • PRI • II • ET C.
R/ — S. Pietro in piedi colie chiavi in mano, presso la testa del santo, stella: PRESIDIVM •   • NOSTRVM • sotto i piedi del santo: G • C.

Lo Zanetti osserva che vi sono esemplari di vario peso e titolo di questo pezzo1 chiamato Lira dall’Affò e col solito acume lo riconosce sotto il nome Anselmino di Bozzolo2 in una lista di monete saggiate a Parma, perchè fatto ad imitazione degli Anselmini di Mantova. Il mio è dei migliori; ma ne conosco di piccoli e neri ed anche colla ciffra 8 sotto i piedi del santo, invece delle iniziali G C.


[immagine da inserire]


4. Mistura (peso grammi 6.48).

D/ — Busto del principe in armatura: SCIP • S • R • I • BOZVLIQ • PRINCEP • II.
R/ — Aquila bicipite coronata collo scudo di Gonzaga nel petto: MAR HOST COM • POM • EC (XXIIII).
  1. Zanetti, G. A., Opera citata. Tomo III, pag. 171, nota 176.
  2. Ivi. Tomo V, pag. 343, nota 220.