Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/311

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
302 atti della società numismatica italiana

scenti. Tutti hanno dei duplicati fra i loro libri, e con un po’ di buona volontà, si potrebbe arricchire la nostra biblioteca, provvederla di tante opere indispensabili, che ancora vi mancano, e renderla veramente utile a quei Soci che vogliono approfittarne pei loro studi.


Medagliere.


Il Medagliere, quantunque lentamente, va sempre aumentando, I pochi e soliti donatori vollero ricordarsene anche nel 1895, ed oggi la collezione sociale comprende:

Monete: 2 in oro; 300 in argento; 1700 in bronzo e rame; 294 in vetro.

Medaglie e tessere: 5 in argento; 250 in bronzo, rame e piombo.

Totale n. 2546 pezzi.


Rivista.


Nella relazione dello scorso anno facevamo una promessa che non venne mantenuta. Tale mancanza però non solo può giustificarsi, ma essere indizio di meglio; e tale è il caso nostro. Noi avevamo esternato il proposito d’incominciare la pubblicazione di articoli postumi importanti, o inediti, o ormai introvabili per lo scarso numero delle vecchie edizioni. Orbene, l’abbondanza della materia nuova sopravvenuta ci ha impedito di mantenere tale promessa; e la semplice enunciazione del fatto ci sembra la più ampia giustificazione. Diverse pubblicazioni postume sono pronte per la stampa» e vedranno la luce, appena i nostri collaboratori ci lasceranno un poco di spazio disponibile.

La parte classica e la medioevale ci pare siano state abbastanza equilibrate nel decorso del 1895.

Per la serie greca il dott. Gabrici ci diede la fine del suo importante lavoro sulla Topografia e Numismatica dell’antica Imera, di cui già l’anno decorso abbiamo tenuto parola, ed è allo stesso autore che dobbiamo l’interessantissimo studio sulla moneta romana nei primi tempi dell’impero. Mandiamo un cordiale saluto e un ringraziamento al nostro collega di Napoli, tanto benemerito del nostro Periodico.

Chi parla portò pure il suo solito contributo alla Numismatica Romana, ed ebbe la fortuna, nell’anno ora decorso, di presentare al mondo numismatico il famoso medaglione d’oro di Teoderico, pezzo unico e di straordinaria importanza, invidiato da private e pubbliche collezioni, e principalmente dai musei tedeschi.