Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/519

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
506 varietà

La decorazione, a forma di medaglia, è sostenuta da un nastro di color nero. Su d’una faccia vedonsi a sinistra due triangoli d’oro riuniti ed incrocicchiati, ed a destra dì chi guarda una croce di filigrana, che ha uno smeraldo nel mezzo ed un rubino.

Sul rovescio della decorazione, in caratteri etiopici, leggesi il nome ed il titolo del fondatore dell’Ordine: Giovanni re dei re dell’Etiopia.

La medaglia è sormontata da una corona simile a quella che usavano gli antichi imperatori di Etiopia; la qual corona è a forma di camauro, ma più basso di quello dei Pontefici, con due liste discendenti alle spalle; sulla cima evvi un pennacchio sfioccato aperto.

Il Colin de Paradis dice che i triangoli sono il fac-simile del suggello di Salomone.

Re Giovanni evidentemente volle riprodurre il suggello di Salomone, composto dei due triangoli, ritenuti dagli Etiopi raffigurare la sapienza di quel re, dal quale e dalla regina Saba, secondo i re di Abissinia, sarebbe nato quel Menelik, o Menclehec capo stipite della loro casa, che in arabo suona figlio del savio, come per antonomasia chiamavasi Salomone.

La vendita della Collezione Montagu. — Nello scorso Novembre (dal 13 al 21) si teneva a Londra presso i Signori Sotheby, Wilkinson e Hodge la vendita della terza parte della splendida collezione di monete inglesi formata dal fu Sig. H. Montagu. — Era la più ricca serie di monete inglesi che mai fosse comparsa in vendita e lo prova il ricavo che fu di fr. 466.635. Se a questo prodotto aggiungiamo quello ottenuto dalla serie greca, pure venduta a Londra e che fu di fr. 224.400 e quello della serie romana, venduta a Parigi, in fr. 325.000, abbiamo un totale di fr. 1.016.035 che non crediamo sia mai stato raggiunto da nessuna privata collezione.

Premio Grazioli. — Nel fasc. II, anno corrente, abbiamo dato il programma del Concorso all’incisione in acciaio per conii di medaglie, istituito dal ben noto incisore milanese Cav. Francesco Grazioli.