Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lo zecchino di porcía l6l


BELMONTE.


Antonio Pignatelli principe (1733): zecchino1.


SAN GIORGIO.


Giovanni VI Domenico Milano marchese (1732): doppio zecchino2, zecchino3, tallero [?] e mezzo tallero4.

Mezzo tallero commemorativo, del 1740.

Giacomo IV Francesco Milano marchese (1753): tallero5.


VENTIMIGLIA.


Giovanni Requesens conte (1725): doppio zecchino6 e mezzo tallero7.

A questo elenco sarebbe forse da aggiungere Io zecchino di cui fece preparare i conii nel 1731 il principe Nicolò Meli-Lupi di Soragna nell’Emilia8,

  1. Köhler (J. D.), Historische Münz-Belustigung. Vol. XVIII. Nürnberg. — (a pag. 257).
    Monnoies en or, etc. — (a pag. 261).
    Catalogo della Collesione del Cav. Giancarlo Rossi. Roma, 1880. — (tav. I, n. 346).
    Catalogo della Collezione Fusco. Roma, 1882. — (tav. I, n. 89).
    Catal. d. Collez. Sambon. — (tav. IX, n. 1533).
  2. Monnoies en or, etc. — (a pag. 260).
  3. Ivi.
  4. Kunz (Carlo), Il Museo Bottacin annesso alla Civica Biblioteca e Museo di Padova. — In Periodico di Numismatica e Sfragistica per la storia d’Italia, diretto dal March. Carlo Strozzi. Volume terzo. Firenze, 1871. — (tav. XII, n. 7).
  5. Monnoies en arg., etc. — (a pag. 469).
    Catal. d. Collez. Rossi. — (tav. VII, n. 4604).
  6. Monnoies en or, etc. — (a pag. 264).
  7. Monnoies en arg., etc. — (a pag. 474).
  8. Pigorini (Luigi), Moneta, medaglie e sigilli dei Marchesi e Principi di Soragna. Parma, 1867. — (alla tav. annessa).
    Catal. d. Collez. Rossi. — (tav. VII, n. 4846).
    Ambrosoli (S.), Zecche Italiane. Como, 1881. — (tav. III-IV, n. 3).