Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/525

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

annotazioni numismatiche italiane 501

usato nella monetazione Urbinate. Confrontando il pezzo con i quattrini di quell’epoca, e specialmente con quelli di Lorenzo de’ Medici coniati subito dopo, troviamo dal calcolo approssimativo del peso e della lega delle due monete, che l.’una è doppia dell’altra, e che il nostro mezzo quattrino corrisponde al picciolo.

Nella speranza di qualche nuovo esemplare che tolga il dubbio circa la terza lettera, purché il difetto non esista nel conio, ne aspetteremo la soluzione definitiva della questione tra le due ipotesi che ci tengono incerti. Meglio ancora, se prima d’allora altri più competenti in materia, ne troverà una migliore.


CORREGGIO?


Coin of Correggio Rivista italiana di numismatica 1897 (page 525 crop).jpg


  D/ — SANT · ANTONIVS Busto mitrato e nimbato; ai lati Ṡ Å
  R/ — Aquila bicipite, con corona chiusa.
Quasi rame, peso gr. 0,93, — Cons. buona. Presso lo scrivente.


Questa monetina non è inedita a rigor di termini, avendone il Kunz fino dal 1869 constatata l’esistenza nella nota a pag. 111 del volume II del Periodico dello Strozzi. Al n. 8 tav. V dello stesso volume, egli pubblicava il disegno di una consimile, che in luogo dell’intero nome del Santo ha l’abbreviazione di SANCTVS · ANT, la quale si presta a doppia interpretazione. Ed è per questo che nella nota citata, egli rilevava come venisse spesso attribuito a Piacenza quel quattrino, fatto ad imitazione di taluni dell’Imperatore Carlo V per Milano, perchè nel Santo si voleva raffigurare S. Antonino sebbene sotto parvenze che non gli corrispondono. E, notata